Neonato morto a Torino, la madre confessa: “L’ho buttato dalla finestra appena nato”

loading...

“L’ho buttato dalla finestra appena è nato”. La sua confessione gela il sangue. La mente va al corpicino del bebè gettato dal balcone e schiantato a terra, come un sacco della pattumiera.

Quel fagottino è stato trovato riverso sulla strada, in uno straccio insanguinato. Un orrore lungo le vie di Settimo Torinese. Ora, per quel brutale omicidio, è stata arrestata la madre, una 34enne italiana, che nella notte ha confessato la sua barbarie.

Il neonato, un maschietto, era stato appena partorito. La madre l’ha buttato via, giù dalla finestra. Stefano Cravero, un operaio di 21 anni che stava tornando a casa dal lavoro, lo ha visto a terra, avvolto in un asciugamano insanguinato. Aveva una grossa ferita sulla testa. “Ho visto qualcosa in mezzo alla strada e mi sono fermato – ha raccontato il giovane – era agonizzante ma respirava ancora”. Cravero ha, quindi, chiesto a due netturbini, Saverio Casorelli e Attilio Bondino, che gli hanno prestato i primi soccorsi. “Mi sono avvicinato – hanno raccontato alla Stampa – volevo avvolgerlo nel mio gilet, ma non era adeguato”. Così ha iniziato a gridare e i residenti si sono affacciati dalle finestre che danno su via Turati, di fronte ai balconi del civico 2. “Mi hanno buttato giù delle tovaglie – ha continuato l’uomo – e l’ho avvolto”. Il bambino reagiva. “Poi – ha concluso – sono arrivati i carabinieri e l’ambulanza, lo hanno intubato e se lo sono portati via”. Soccorso dal personale del 118 e trasferito d’urgenza all’ospedale Regina Margherita di Torino, il bimbo è apparso subito in gravi condizioni.

Il quartiere, in cui è stato ammazzato il neonato, è residenziale. Anche se non è una zona di passaggio, non è molto lontata dall’isola pedonale di Settimo Torinese. “È una scena che non dimenticherò più”, ha detto alla Stampa Attilio Bondino. “È stato sconvolgente – ha, poi, aggiunto – speravamo tutti di potergli salvare la vita”.

il giornale

loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *