SI SPIEGANO MOLTE COSE, GLI ISLAMICI VOTANO A SINISTRA: IUS SOLI E IMMIGRAZIONE COME SERBATOIO ELETTORALE

Gli islamici in Italia votano in massa a sinistra, come rilevato dal sondaggio Ipr Marketing per Qn secondo il quale il 63% dei musulmani con permesso di soggiorno opta per i partiti pro immigrazione, collocati come noto nella cosiddetta area progressista. In particolare il 36% voterebbe Sinistra Italiana, il 20% PD e il 7% i bersaniani di Mdp. Da non sottovalutare anche il 26% assegnato al M5S, a testimonianza di come la politica ondivaga dei pentastellati sul tema delle frontiere aperte e dei respingimenti risulti evidentemente attrattiva per gli stranieri: del resto i grillini votarono per l’abolizione del reato di clandestinità. 

Alle formazioni di centrodestra restano le briciole, con Forza Italia che riscuote il favore del 10% dei musulmani, mentre Fratelli d’Italia si ferma all’1% a fronte di una media nazionale del 5%. Significativo lo 0% assegnato alla Lega, probabilmente perché ritenuta autentico baluardo all’islamizzazione del Paese, auspicata, lo ricordiamo, da una percentuale che oscilla tra il 30% e il 40%. 

Colpisce il fatto che tra i musulmani la sinistra incassi il doppio dei consensi, rispetto a una media nazionale che si aggira sul 32% sommando al PD i due piccoli partiti radicali. Numeri che vanno a corroborare la tesi secondo cui la sinistra, tra Ius soli e immigrazione incontrollata, otterrebbe grandi vantaggi elettorali dal processo di “sostituzione etnica” in atto. Perché, appunto, gli italiani sono sempre meno disponibili a votarla e dunque le occorre un esercito di elettori di riserva allo scopo di mantenere il potere. Più immigrati significano più voti per una parte ben precisa, lo certifica un istituto demoscopico non certo tacciabile di populismo. Il quadro politico, di questo passo, verrebbe condizionato e stravolto in modo irreversibile. 

 

http://www.ilpopulista.it/

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *