Brindisi, 2 ragazzi prendono le difese di un extracomunitario: 22enne italiana accoltella entrambi

 

In un pub a Carovigno in provincia di Padova, due ragazzi prendono le difese di un venditore di rose extracomunitario: una ragazza del posto si scaglia con coltellate e bottigliate.

CAROVIGNO (Brindisi) – I carabinieri hanno rapidamente fatto luce sull’accoltellamento avvenuto la scorsa notte (fra sabato 3 e domenica 4 giugno) in un locale notturno di Torre Santa Sabina, marina di Carovigno. La presunta accoltellatrice, la 22enne Sharon Doria, di Brindisi, si sarebbe scagliata con una violenza inaudita contro due giovani del posto che avevano preso le difese di un extracomunitario che girava per locali per vendere rose.

La ragazza è stata arrestata in regime di domiciliari con l’accusa di tentato omicidio e lesioni personali aggravate. Sull’accaduto indagano i carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni al comando del capitano Diego Ruocco. Da quanto appurato dai militari, la giovane, intorno alle ore 4, avrebbe buttato a terra un mazzo di rose appoggiato temporaneamente su un tavolo dallo straniero.

Il gesto è stato notato da due giovani di Carovigno, che hanno invitato la Doria raccoglierle perché appartenevano a un extracomunitario che cercava di sbarcare il lunario vendendole. La brindisina, a quel punto, spalleggiata dalle sue amiche, secondo la ricostruzione dei fatti effettuata dagli investigatori, ha ricoperto di insulti i due giovani, ha estratto un coltello dalla borsetta e lo ha agitato minacciosamente. Uno dei due ragazzi ha ugualmente raccolto le rose da terra ma la ragazza innervosita ha lanciato contro uno dei due giovani una bottiglia di birra colpendolo al volto e ha sferrato una coltellata al torace dell’altro.

I due amici hanno cercato di allertare la security del locale per chiedere l’intervento dei carabinieri. Sharon Doria è stata quindi bloccata dal personale della discoteca e dai militari della stazione di Carovigno che l’hanno accompagnata in caserma.

I due feriti, entrambi di Carovigno, hanno riportato, il primo, un 33enne, una ferita lacero contusa allo zigomo sinistro guaribile in 10 giorni, a causa dell’impatto con la bottiglia, il secondo, 22enne, una ferita lacero contusa al torace lato sinistro guaribile in 15 giorni. Sharon Doria, dopo le formalità di rito, è stata tradotta presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

La notizia su Brindisi Report

Potrebbero interessarti anche...